Biografia

Nata a Lentini (Siracusa) il 16 marzo 1948 Antonella Serratore si è formata studiando all’Istituto statale d’arte di Catania. Dopo aver conseguito il diploma, ha intrapreso la carriera dell’insegnamento. Come pittrice ha iniziato il suo percorso artistico con la figurazione e proseguito –partecipando attivamente alla vita artistica in campo regionale e nazionale- sperimentando vari stili. L’artista –che i critici continuano ad apprezzare per il suo linguaggio pittorico impregnato da un’originale ricerca di libertà espressiva del tutto personale- negli ultimi 12 anni ha portato avanti un suo percorso artistico autonomo passando con disinvoltura da un approccio figurativo tradizionale a un figurativo più moderno, dal quale è scaturita una ricerca che mostra un interesse della Serratore anche per l’astrattismo e per stili espressivi assolutamente diversi che richiamano fortemente tradizioni, processi rituali e movimenti artistici quali l’Espressionismo, il Realismo e il Surrealismo. Antonella Serratore ha partecipato, riscuotendo unanimi consensi di pubblico e di critica, a importanti expo e rassegne d’arte contemporanea. Di lei hanno scritto, tra gli altri, i noti critici d’arte Fortunato Orazio Signorello e Massimo Catalano, che hanno messo in evidenza come la sua arte si muove su un confine che raffigura e non raffigura, tra tema tradizionale e forma non tradizionale e moderna, tra scontatezza e innovazione. È presente in diversi annuari e dizionari d’arte. È stata segnalata e citata da quotidiani e periodici regionali e nazionali. È socia dell’Accademia Federiciana (Catania) ed è censita nell’Archivio delle Arti visive della stessa istituzione. Le sue opere figurano in collezioni private. Temi e soggetti prediletti relativi alle sue opere hanno suscitato l’interesse di Fortunato Orazio Signorello, che all’artista ha dedicato una pubblicazione monografica, editata nel 2012 dalla Kritios Edizioni, dal titolo “Antonella Serratore. Dinamismo stilistico”. Nella sua pittura lo studio approfondito del soggetto raffigurato, delle proporzioni e delle cromie cromatiche esercitato quotidianamente non lascia spazio all’improvvisazione.

Maria Lombardo a tal proposito ha messo in evidenza che «i risultati eccellenti e la grande considerazione da parte di noti critici d’arte evidenziano come Antonella Serratore, artista che ha preferito svolgere, sempre e soltanto in termini di pittura, un discorso più autonomo e profondo, è una artista di grande talento che riesce a dare il meglio di se stessa compiendo incursioni nel realismo, nella mitologia e nella metafisica. Nell’operato dell’artista sono riconoscibili, oltre al suo linguaggio espressivo, la dimestichezza e la capacità di dialogare con il colore… ».

Negli ultimi anni ha preso parte, tra l’altro, alle seguenti mostre ed expo: Rassegna d’arte visiva “Stili contemporanei” (Lentini, 2015), VI Rassegna d’arte visiva “Arte al femminile” (Catania, 2015-2016), II Esposizione internazionale d’arte contemporanea “GenovaContemporanea” (Genova, 2015), “Art today” (Catania, 2016), “Artisti a Villa Clerici” (Milano, 2016).


LEGGI ANCHE

La presentazione critica (a cura di Fortunato Orazio Signorello)

I giudizi critici